BTCSentinel.com
di
05/03/2024, 17:58:00

Ethereum (ETH) si conferma ancora una volta come uno dei protagonisti principali del mondo cripto grazie a una novità che ha attirato l'attenzione di molti investitori e anche di appassionati di blockchain e criptovalute: lo staking sulla Beacon Chain.

Con oltre 31,5 milioni di ETH, pari a un valore di 115 miliardi di dollari, attualmente impegnati nel processo di staking, Ethereum non solo dimostra la sua solidità e affidabilità ma apre anche nuove prospettive per gli investitori.

Ma cosa significa esattamente tutto questo per chi si avvicina solo ora al mondo delle criptovalute? Cerchiamo di capirlo insieme.

Cos'è lo staking su Ethereum?

Lo staking è un meccanismo attraverso il quale i possessori di criptovalute possono bloccare (o "stake") una parte dei loro asset in cambio di ricompense, contribuendo così alla sicurezza e al funzionamento della rete. Ethereum ha recentemente compiuto un passo significativo passando da un sistema di proof-of-work (PoW) a uno di proof-of-stake (PoS) con l'introduzione della Beacon Chain. Questo cambiamento non solo ha ridotto il consumo energetico della rete ma ha anche permesso agli utenti di partecipare attivamente alla validazione delle transazioni attraverso il processo di staking.

Una rivoluzione da 115 miliardi di dollari

La cifra di 115 miliardi di dollari rappresenta un vero e proprio tesoro che gli utenti hanno deciso di affidare alla rete Ethereum, segno di una fiducia consolidata nel tempo. Questa cifra, che costituisce quasi il 26% dell'intera fornitura di ETH, evidenzia non solo l'interesse crescente verso il meccanismo di staking ma anche la solidità economica che Ethereum sta costruendo attorno a sé.

Sicurezza economica e innovazione

Nelle reti PoS come Ethereum, la sicurezza economica è un pilastro fondamentale. Per compromettere la rete, ad esempio tentando di ribaltare transazioni o realizzare attacchi di double-spending, sarebbe necessario controllare almeno la metà del totale degli ETH impegnati nello staking, ovvero circa 57 miliardi di dollari. Una cifra così elevata rende tali attacchi economicamente impraticabili, garantendo una maggiore sicurezza per tutti gli utenti della rete.

L'impatto dell'upgrade Shapella

L'upgrade Shapella, dell'aprile del 2023, ha segnato una svolta per lo staking su Ethereum, permettendo agli utenti e ai validatori di ritirare i loro ETH precedentemente bloccati. Questa novità ha portato a un afflusso di oltre 11 milioni di ETH nel processo di staking, dimostrando l'entusiasmo e la fiducia nella rete.

Soluzioni di staking liquido: Lido e Rocket Pool

Nel panorama dell'investimento in criptovalute, le soluzioni di staking liquido rappresentano una rivoluzione per gli investitori, specialmente per coloro che desiderano partecipare attivamente alla sicurezza e al funzionamento di reti basate su proof-of-stake come Ethereum. Tra queste, Lido e Rocket Pool spiccano per la loro capacità di rendere lo staking accessibile e flessibile, superando alcune delle limitazioni tradizionalmente associate a questa pratica.

Lido Finance e Rocket Pool hanno infatti introdotto un concetto innovativo: permettono agli utenti di partecipare allo staking con quantità di ETH inferiori ai 32 ETH richiesti per diventare un validatore sulla rete Ethereum. Questo abbassa significativamente la barriera all'ingresso per l'investimento in staking, rendendolo disponibile a un pubblico più ampio. Inoltre, queste piattaforme offrono la possibilità di utilizzare gli asset in staking come collaterale nel mondo della finanza decentralizzata (DeFi), aumentando così le opportunità di guadagno per gli investitori.

Lido, in particolare, si è distinto per aver catturato una quota significativa del mercato dello staking di Ethereum, rappresentando oltre il 31% del totale degli ETH messi in stake. Questo successo è attribuibile alla sua interfaccia utente intuitiva e alla promessa di liquidità per gli asset in staking, che rimangono altrimenti bloccati e inutilizzabili nel protocollo di staking tradizionale.

Rocket Pool, d'altra parte, si posiziona come una soluzione decentralizzata che non solo facilita lo staking per gli utenti con meno risorse, ma promuove anche una maggiore decentralizzazione della rete Ethereum. Offrendo una struttura che consente agli utenti di eseguire i propri nodi con una soglia minima di 16 ETH e di guadagnare commissioni per il servizio di validazione, Rocket Pool si rivolge a un segmento di mercato che valuta l'autonomia e la partecipazione attiva nell'ecosistema blockchain.

Entrambe le soluzioni di staking liquido hanno contribuito a democratizzare l'accesso allo staking di Ethereum, permettendo agli investitori di mantenere la liquidità dei loro asset e di partecipare alla sicurezza e al governo della rete senza dover immobilizzare grandi somme di capitale. Questo ha non solo ampliato le possibilità per gli investitori individuali, ma ha anche rafforzato la sicurezza economica di Ethereum, rendendo la rete più resiliente contro potenziali attacchi.

Approfondimenti

DISCLAIMER
Le informazioni del Sito non costituiscono sollecitazione al pubblico risparmio e non sono volte a promuovere alcuna forma di investimento o commercio, né a promuovere o collocare strumenti finanziari o servizi di investimento o prodotti/servizi bancari/finanziari.

Top & Flop

segnali crypto

I migliori guadagni e le peggiori perdite dell'ultima ora

ZEN
8,41%
KNC
4,93%
MLN
3,11%
MKR
2,44%
ASM
2,18%
ANC
-2,42%
STX
-1,68%
-1,55%
FX
-1,32%
-1,10%

Leggi anche

DeFi: una guida alla gestione del rischio con una mappa mentale
L'airdrop di Starkware (STRK) tra innovazione e polemiche
Binance: le funzionalità principali e come iniziare
Rally di Ethereum verso i 2500$: la spiegazione

Rally di Ethereum verso i 2500$: la spiegazione

Analizziamo i possibili motivi alla base del rally di prezzo di Ethereum degli ultimi giorni, tra situazioni macroeconomiche e innovazione.

leggi

Solana più popolare di Ethereum? I dati e le prospettive per il 2024
Smart Contracts: cosa sono, a cosa servono e come funzionano