Perché Europa e USA stanno esitando ad espellere la Russia dallo Swift e cosa c'entrano le criptovalute

25/02/2022 11:27:00

Sommario:

Ecco perché Europa e USA stanno esitando sull'ipotesi di espellere la Russia dallo Swift e cosa c'entrano le criptovalute.

Perché l'Europa e gli Stati Uniti stanno esitando sull'ipotesi di espellere la Russia dallo Swift (Society for Worldwide Interbank Financial Telecommunication) tra le sanzioni da applicare alla Russia di Putin in seguito all'inizio delle attività militari in Ucraina?
Prima di snocciolare la questione, approfondiamo cos'è lo Swift e a cosa serve.

>> Approfondimento: Scenario risk-off e incognite sull'impatto della guerra Russia-Ucraina su criptovalute e mercati.

Cos'è lo Swift e a cosa serve?

SWIFT è l'acronimo di "Society for Worldwide Interbank Financial Telecommunication" ed è una stringa alfanumerica lunga da 8 a 11 caratteri che permette di identificare in maniera univoca la singola filiale di ogni banca aderente a questo protocollo.

Il codice SWIFT è il sistema utilizzato da banche e istituzioni finanziarie per le transazioni internazionali ed è necessario in tutte le operazioni di trasferimento di denaro internazionali garantendo in ogni momento la tracciabilità di ogni movimento. È utilizzato quotidianamente da 11.000 istituti bancari in 40 milioni di diverse operazioni

Perché escludere la Russia dallo Swift non è una buona idea?

Escludere la Russia dallo Swift, e quindi dal sistema di pagamenti internazionali, taglierebbe fuori il Cremlino da una fetta importante dell'economia mondiale.
In questo modo la Russia avrebbe difficoltà a ricevere i ricavi dalle vendite di gas e petrolio all'estero.
Allo stesso tempo, però, tagliare fuori la Russia di Valdimir Putin dallo Swift comporterebbe ingenti perdite economiche, si parla di miliardi di dollari, per crediti concessi alla Russia e che non verrebbero recuperati.

Cosa c'entrano le criptovalute con le sanzioni sullo Swift verso la Russia?

Che cosa succederebbe se Stati Uniti e UE decidessero insieme di eliminare la Russia dai rapporti interbancari e di scambio di monete tra Russia e resto del mondo tagliandola fuori dal sistema Swift?
Gli analisti pensano che questo potrebbe spingere la Russia ad accelerare il processo di creazione di un sistema finanziario, di scambio di denaro e tracciamento alternativo, probabilmente con criptovalute, insieme alla Cina.
La Russia e la Cina da tempo stanno collaborando su questo tipo di scenario e una sanzione così pesante potrebbe accelerare questo processo che andrebbe, di fatto, a creare un asse economico molto importante.

Questa sanzione potrebbe quindi rivelarsi un boomerang per l'Occidente per andrebbe ad accelerare un processo di creazione di una moneta comune probabilmente digitale con la Cina per continuare a far girare economia e commercio nei loro paesi.
Ecco perché l'Unione Europea e Stati Uniti d'America non riescono a mettersi d'accordo su questo tipo di sanzione.

DISCLAIMER
Le informazioni del Sito non costituiscono sollecitazione al pubblico risparmio e non sono volte a promuovere alcuna forma di investimento o commercio, né a promuovere o collocare strumenti finanziari o servizi di investimento o prodotti/servizi bancari/finanziari.

BTCSentinel Telegram

Leggi anche

Segnali Crypto Week 47: crypto nella Bozza di Bilancio 2023, Comitato FTX, analisi del mercato e molto altro
Legge di Bilancio 2023: la tassazione sulle criptovalute con la nuova manovra
Il governatore di New York ha firmato la moratoria sul mining Proof-of-Work basato su carburante a base di carbonio
Segnali Crypto Week 46: oggi alle 17.00 sul canale YouTube di BTCSentinel.com
Segnali Crypto: domani la nuova puntata alle 17.00 su nostro canale di YouTube
Mastercard: ecco i 5 punti chiave per la diffusione delle crypto
Wallet Ledger Nano S Plus e Nano X in offerta su Amazon