Google si appoggia a Coinbase per i pagamenti con criptovalute

12/10/2022 09:14:00

Sommario:

Google ha scelto Coinbase come partner per consentire ai suoi clienti di pagare servizi cloud con criptovalute, tra cui Bitcoin e Ethereum, all’inizio del 2023.

Questa settimana Google ha ufficializzato la sua scelta di appoggiarsi a Coinbase per iniziare ad accettare pagamenti in criptovaluta per i suoi servizi cloud.

Dall’inizio del 2023 i pagamenti in crypto per i servizi di Google saranno consentiti ad un gruppo di clienti per poi espanderli ad un numero sempre più ampio. Le criptovalute accettate saranno una decina, tra cui Bitcoin (BTC), Bitcoin Cash (BCH), Dogecoin (DOGE), Ethereum (ETH) e Litecoin (LTC).

Prima di proseguire, vuoi creare un Account su Binance o su Coinbase?

Se sei interessato ad entrare su Coinbase e Binance ecco i link di invito di BTCSentinel:

Come parte dell’accordo, Coinbase sfrutterà l’infrastruttura cloud di Google per alcune sue attività: in particolare migrerà le applicazioni relative ai dati da Amazon Web Services a Google Cloud Platform.

Amit Zavery, vicepresidente e direttore generale e responsabile della piattaforma su Google Cloud, ha dichiarato in proposito: “Abbiamo esaminato altre società per il lato della criptovaluta e in Coinbase aveva le maggiori capacità”.

Google e Coinbase Prime

Google sta anche esplorando come utilizzare Coinbase Prime, un servizio che archivia in modo sicuro le criptovalute delle organizzazioni e consente loro di eseguire operazioni.

Sono già molte le aziende che hanno aggiunto criptovalute ai loro bilanci: tra le più importanti menzioniamo Tesla, Coinbase e MicroStrategy.

Già a maggio Google aveva indicato che stava valutando la possibilità di aggiungere il supporto per i pagamenti con valute digitali e alla fine, dopo mesi di incontri e conversazioni con Coinbase, si è deciso di avviare la collaborazione.

Le tecnologie blockchain come i token non fungibili o NFT sono diventate un obiettivo più importante per la divisione cloud di Google. In precedenza, il responsabile cloud di Google, Thomas Kurian, ha spinto per la crescita nei principali settori come i media e la vendita al dettaglio. Quest’anno ha annunciato la formazione di team per avviare attività blockchain e creare strumenti a cui gli sviluppatori di terze parti possono attingere per eseguire applicazioni blockchain.

DISCLAIMER
Le informazioni del Sito non costituiscono sollecitazione al pubblico risparmio e non sono volte a promuovere alcuna forma di investimento o commercio, né a promuovere o collocare strumenti finanziari o servizi di investimento o prodotti/servizi bancari/finanziari.

BTCSentinel Telegram

Leggi anche

Coinbase annuncia sul suo blog che è ora possibile convertire USDT in USDC a zero fees
La Proof of Stake (PoS) spiegata semplicemente
La Proof-of-Work (PoW) spiegata semplicemente

La Proof-of-Work (PoW) spiegata semplicemente

Cos'è e come funziona veramente la Proof-of-Work: in questo articolo vi spieghiamo in modo semplice di cosa si tratta e quali tipologie di problemi risolve.

Leggi l'articolo completo

Nexo vuole lasciare il mercato USA perché nel paese non ci sono regole chiare
Parliamo della settimana nel mondo crypto: questa ore 20.00, Segnali Crypto Week 48
Secondo quanto pubblicato da Santiment, le balene Bitcoin (BTC) potrebbero essere tornate ad accumulare
Wallet Ledger Nano S Plus e Nano X in offerta su Amazon